Creme che funzionano! Dove sta la verità!

Ogni giorno, siamo circondati da informazioni pubblicitarie riguardanti
la migliore crema antirughe, le creme che funzionano contro la disidrataazione, le macchie, l’invecchiamento. Su giornali, riviste e persino online: inquietanti foto di aghi ipodermici posate accanto a vasetti di crema innocui, persino dall’aspetto innocente, ci invitano alla prova di creme che promettono miracolosi risultati nel giro di poche settimane.

Sempre più frequentemente, il mesaggio trasmetto è che le creme cosmetiche topiche possano garantire gli stessi risultati rilassanti e anti-età di alcune iniezioni costose che riempiono le rughe con l’intervento del medico estetico.

Creme che funzionano Dove sta la verità

Ma dove sta la verità? Lo scetticismo è d’obbligo, davanti a certi paragoni azzardati. Non sorprende che alcuni medici mettano in dubbio le affermazioni e le promesse pubblicitarie, invitando a non lasciarsi influenzare dagli spot.

Il concetto di base è che se queste creme riuscissero a fare la stessa cosa di una procedura medica, sarebbero farmaci e non cosmetici.

Parte della tecnologia di trattamento antiaging si concentra su composti chiamati pentapeptidi, piccoli gruppi di aminoacidi a catena lunga che funzionano come messaggeri chimici in tutto il corpo.

E sebbene i medici affermino che non ci sono studi medici pubblicati che dimostrino il loro funzionamento, gli esperti coinvolti nei test sui prodotti affermano che c’è ampia ricerca dietro la tecnologia dei pentapeptidi.

Inizialmente, la ricerca sui pentapeptidi è stata condotta in relazione alla guarigione delle ferite. Come parte della risposta naturale del corpo per aiutare la pelle a guarire, gli studi pubblicati hanno dimostrato che i peptidi sono fondamentali per sostenere le cellule della pelle per produrre più collagene.

Il collagene è la chiave delle creme antirughe che funzionano!

ingredienti per creme che funzionano

Ma il collagene non serve solo per curare le ferite. Svolge infatti un ruolo importante nell’invecchiamento della pelle. Gordon spiega che il collagene è la struttura di supporto che dona alla nostra pelle un aspetto turgido e giovane. Quando i livelli rimangono abbondanti, la nostra pelle appare giovane e fresca. Quando i livelli diminuiscono, perdiamo quel supporto e le rughe iniziano a formarsi. Mentre le iniezioni di riempimento delle rughe possono temporaneamente colmare le lacune, alcuni ricercatori ritengono che l’applicazione topica di questi peptidi sulla pelle possa aiutarla a produrre più collagene da sola. Ciò avrebbe un effetto “riempitivo” simile alle iniezioni di rughe, ma senza l’impiego di dolorose e costose applicazioni mediche. Dopo aver combinato i peptidi sintetici con un acido grasso – essenziale per farli penetrare negli strati più profondi della pelle – è stato sviluppato il composto palmitoil pentapeptide-3, che secondo alcune società sarebbe in grado di stimolare una maggiore produzione di collagene, garantendo una pelle dall’aspetto più sodo e più giovane in un periodo indicativo di 4-12 settimane.

Tali soluzioni, si rilevano ottimali per coloro che non si sentono pronti ad affrontare una procedura medica per migliorare l’aspetto della pelle.

Molti dei prodotti più efficaci contengono molto più che semplici pentapeptidi; includono vitamine ed erbe con potenziale antiaging; in alcuni casi, l’elenco degli ingredienti è stato originariamente sviluppato non per scopi antiaging, ma per l’uso come crema per le smagliature. Poiché le smagliature sono il risultato di fibre di collagene spezzate e rotte, i ricercatori impiegati in questo ambito hanno teorizzato che un peptide coinvolto nella produzione di collagene e nella guarigione delle ferite potrebbe anche rivelarsi utile nel riparare riparare la pelle segnata da smagliature in seguito a gravidanza o rapidi cambi di peso.

Creme che funzionano smagliature

Nonostante le storie di successo basate sull’esperienza pratica, senza studi medici pubblicati rimane ancora la domanda se questi composti pentapeptidici possano davvero rivelarsi utilitanto quanto la guarigione delle ferite fino agli effetti antiaging sulla pelle.

Il Botox agisce distruggendo una proteina coinvolta nel rilascio di un neurotrasmettitore che altrimenti manterrebbe un muscolo teso, consentendo la formazione di una ruga. Fermando il movimento di tensione e rilassando il muscolo, la ruga sembra scomparire.

Il complesso argireline tenta di imitare la stessa azione del Botox bloccando l’azione della proteina. Non distrugge la proteina, come fa il Botox, ma semplicemente impedisce che si colleghi alla cellula e attivi la contrazione muscolare. Il peptide palimtoile, nel frattempo, lavora per produrre più collagene. Il risultato finale, potrebbe essere simile alle procedure mediche, solo molto meno evidente.

Leggi anche: Crema Antirughe: classifica dalla 1 alla 7 Best in Europa 2020 e considerazioni!

Come trovare la crema che funziona:

Ma per molte creme, lozioni e integratori vitaminici che pretendono di ridurre le rughe o rallentare l’invecchiamento precoce, non ci sono prove sufficienti a dimostrare che funzionino. Sebbene alcuni ingredienti attivi utilizzati nei prodotti anti-invecchiamento abbiano dimostrato di essere sicuri ed efficaci, il trucco sta nel trovare gli ingredienti giusti che funzionano bene per ogni differente individuo, suggeriscono gli esperti.

C’è sicuramente una sovrabbondanza di prodotti e ingredienti che promettono risultati evidenti, e la sovrabbondanza di ingredienti e formulazioni pò risultare confondente sia per i medici che per i clienti in cerca di una soluzione.

Ecco cinque ingredienti attivi comunemente elencati nei prodotti più diffusi e le prove scientifiche sul fatto che possano avere un ruolo nella riduzione dei segni dell’invecchiamento.

Il retinolo può invertire i segni dell’invecchiamento

L’efficacia di un prodotto topico dipende dagli ingredienti con cui è confezionato. Il retinolo è un ingrediente chiave quando si tratta di invertire i segni dell’invecchiamento. Il retinolo è una forma attiva di vitamina A. Invecchiando, l’organismo perde naturalmente la vitamina A, tale fenomeno è in parte responsabile della formazione di segni dell’invecchiamento come rughe e carnagione opaca. Ma il retinolo è in grado di invertire questi procesi. Il retinolo e in particolare l’acido retinoico lavorano per aumentare il ricambio cellulare, costruire collagene, migliorare le discromie,trattare le rughe reintegrando il corpo della vitamina A. Il retinolo insegna essenzialmente alle cellule della pelle che invecchiano a comportarsi come cellule più giovani e più sane incoraggiandole a un ricambio più rapido. Quindi, se un prodotto contiene retinolo, c si può aspettare di vedere una pelle più liscia, luminosa e soda.

Gli antiossidanti possono aiutare a prevenire i segni dell’invecchiamento

Un altro ingrediente chiave nella cura della pelle e nella prevenzione di macchie e invecchiamento sono gli antiossidanti, il cui ruolo è quello di promuovere la riparazione e la guarigione della pelle matura. Ma il loro principale vantaggio anti-invecchiamento è la prevenzione. Gli antiossidanti aiutano a proteggere la pelle dai danni dei radicali liberi e da fattori di stress ambientale come danni UV o inquinamento. Proteggono le strutture proteiche chiave di supporto all’interno della pelle rallentandone il degrado. Questi antiossidanti si presentano in molte forme, tra cui vitamina E e C, estratto di tè verde, niacinamide e resveratrolo. La vitamina C si accoppia con gli scavenger di radicali liberi alla ricerca di un elettrone mancante, quindi neutralizza il danno che un radicale libero può fare se si associasse invece con un elettrone da una proteina della pelle. Quindi, coloro che non stanno ancora oservando i segni dell’invecchiamento, e vorrebbero rallentarne la comparsa, possono cercare prodotti ricchi di uno di questi tipi di antiossidanti.

La dose fa la differenza

Quando si leggono le etichette per cercare ingredienti attivi come il retinolo e gli antiossidanti, è bene assicurarsi che raggiungano una concentrazione sufficientemente elevata per funzionare davvero. Un ingrediente attivo posto in cima all’elenco suggerisce concentrazioni più elevate all’interno del prodotto.

I componenti idratanti sono utili ma non bastano

Avere la pelle idratata significa avere alla una pelle tonica. E la pelle tonica è sinonimo di un aspetto più giovane. Ma per ottenere benefici anti-invecchiamento a lungo termine, si ha bisogno di qualcosa di più dell’idratazione. L’acido ialuronico idraterà e rimpolperà la pelle, ma solo in superficie. Tuttavia, non si deve completamente a questi benefici idratanti, serve infatti anche a fornire una barriera per proteggere la pelle. L’acido ialuronico può contenere fino a 1.000 volte il suo peso in acqua, il che significa che fa miracoli nell’idratazione della pelle. La pelle perde acqua e idratazione con l’avanzare dell’età. Questo ingrediente aiuta a conservare l’idratazione per un risultato visibile. Inoltre, forti dosi di retinolo possono seccare la pelle e favorire la desquamazione. Quindi, se si impiegano prodotti ricchi di retinolo e antiossidanti, è bene considerare la presenza di l’acido ialuronico. Aiuterà a bilanciare la barriera dell’idratazione della pelle e può fornire risultati di levigatura rapida mentre si costruiscono lentamente i risultati a lungo termine forniti dagli altri ingredienti nelle creme.

Non succederà dall’oggi al domani

Ci vuole tempo e coerenza per vedere qualsiasi tipo di risultato reale. Mentre si possono osservare benefici superficiali grazie all’acido ialuronico o alla caffeina, per invertire i segni dell’invecchiamento ci vuole tempo. Tutti i dermatologi hanno sottolineato che le donne dovrebbero diffidare di qualsiasi promessa di azione rapida annunciata dal lancio di un prodotto. Anche i migliori prodotti per la cura della pelle impiegano 4-8 settimane per indurre davvero cambiamenti misurabili della pelle. Inoltre, la pelle deve attraversare un ciclo completo per produrre nuove cellule cutanee.